...E per quanto sia faticoso abbandonare la strada già segnata ed apparentemente più sicura, scopre che è possibile trovare nuove vie, e che ci vogliono sia il sole sia la pioggia per fare un arcobaleno.
Saper sognare è un dono, ma il sogno può diventare una gabbia dorata se per realizzarlo si accettano così tanti compromessi da perdere di vista la felicità. Perché é giusto credere nelle favole. L'importante è saper accettare che la nostra potrebbe essere diversa da quella che abbiamo sempre immaginato.

martedì 5 agosto 2014

Quando meno te lo aspetti.

Succede.
Ci sono cresciuta a pane ed a "quando meno te lo aspetti" buttati li a caso, a cazzo dai, si a cazzo, ad una adolescente con le sopracciglia brutte ed il cotone nel reggiseno taglia 1 -ma per compassione-.
Quando meno te lo aspetti darai il tuo primo bacio.
Quando meno te lo aspetti arriverà la proposta di lavoro ideale.
Quando meno te lo aspetti incontrerai il principe azzurro.
Quando meno te lo aspetti arriverà un figlio...
Quando meno te lo aspetti è la frase più inflazionata del mondo.
È un po come dire "quanta pioggia eh?" allo sconosciuto in ascensore. Ed è un po come sentirsi rispondere "d'altra parte è così...".
D'altra parte è così, quando meno te lo aspetti qualcuno te lo dice.
Passi la vita a detestare che te lo si dica e poi d'improvviso realizzi che la tua vita è tutto un susseguirsi di sequenze inaspettate. 
Così funziona davvero, che quando meno te lo aspetti?
Sembra una frase da niente, ma oh, ci è chiaro quanto è controversa al suo interno? Quando meno te lo aspetti: non te lo aspettare troppo -quello che aspetti- perché quando smetti di aspettarlo quello che aspetti arriva. 
Quindi aspetto? Non aspetto? Fingo di non aspettare di aspettare?
Aspetto di non aspettare. 
Come la giri, va li o va la, qui è sempre tutta una questione di aspettative e che mi piaccia o no devo imparare a conviverci. O le vinco o le accetto. 
Sono ancora con le mani immerse nella dolcissima marmellata che è la mia storia con RR. Che non è più una storia, ma la vita. Sono così assorbita dalla mia vita con RR che rischio di dare per scontato che ogni volta che lo guardo e lui non vede, il cuore perde un battito perché lui sta con me, a dispetto di tutto mi tiene la mano, la notte avvinghia sempre un piede al mio, anche quando mi volta le spalle. 
E poi Ci sono volte in cui invidio. 
Mi sono ri-scoperta ad invidiare ed è stata una cosa nuova, travolgente e devastante. 
È stato brutto ed io sono stata bieca. 
E farci i conti dopo è stato faticoso ed umiliante. E l'arbitro di me stessa ero solo io e si sa che siamo i giudici più inclementi. 
Ho scavato a fondo dentro di me, è un continuo lavorare lento per arrivare ad accettare che la felicità degli altri non toglie a me il pezzo di felicità che mi spetta -e mi aspetta-, per comprendere che fuori da me c'è un mondo che ha lo stesso diritto che ho io ad essere felice tanto quanto io ambisco ad esserlo.
Chi prima, chi dopo: quando meno te lo aspetti...


Non ho riletto, non ho controllato la punteggiatura. Ho scritto come se stessi parlando allo specchio ed ho scelto per il tasto pubblica. Mi perdonerà che rabbrividisce per il mio italiano e chi perché ho invidiato e non si fa.

16 commenti:

  1. Noi camminiamo e camminiamo ma alla fine mica guardiamo davvero dove stiamo andando e, quindi, poi, quando meno ce l'aspettiamo ci rendiamo conto della strada fatta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Mareva, ma io non solo vorrei riuscire a GUARDARE dove sto andando, vorrei poterlo DECIDERE...

      Elimina
  2. L'invidia è desiderio di raggungere quella che leggiamo come una vittoria... e ti risparmio volentieri il segone filo-psico-tuttologico sulle ambizioni sane e patologiche della testa umana.
    Tutto sommato vuol dire combattività, no?
    Mi sorge un dubbio: ma se sono gli altri ad "aspettarselo" è boicottaggio?
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando sono gli altri ad aspettarselo è un casino: quante aspettative possiamo gestire tutte insieme? Ti bacio

      Elimina
  3. Io credo che la strada sia solo quella da percorrere, e il senso si vedrà. Quando meno ce lo aspettiamo succedono delle cose, non tanto perché non ce le aspettiamo o non speriamo che avvengano... ma perché siamo impegnati in altro.
    In fondo... sono sorprese. Ma io cerco di non aspettarmi niente :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vederle come "sorprese" è una bella chiave di lettura :-)

      Elimina
  4. Sarà vero ma "quando meno te lo aspetti blablablu" rimane una frase del cazzo detta da chi non sa che altro dirti.

    RispondiElimina
  5. Brutta l'invidia. Io praticamente non la conoscevo prima di mettermi alla ricerca di un figlio. Ora è pane quotidiano. Logora, rende insofferenti, insoddisfatti, insicuri. Non avrei mai voluto provarla e spero proprio io riesca presto a liberarmene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brutto eh?
      Non avevo mai invidiato.
      Quando mi succede poi di doverLa combattere, giuro, è una lotta pesante, quella con me stessa.
      Ti abbraccio Pri

      Elimina
    2. sposo perfettamente e completamente la Socia

      Elimina
  6. Le cose, secondo me, non succedono "quando meno te lo aspetti". Una ruota si buca quando meno te lo aspetti, un piccione ti scagazza addosso quando meno te lo aspetti, un terremoto arriva quando meno te lo aspetti... per il resto io credo che tutti noi, in un modo o nell'altro, consapevolmente o inconsapevolmente, ci costruiamo ogni giorno un pezzetto del nostro futuro, nel bene e nel male (perchè a volte agiamo male, diciamolo) e poi arriva un momento in cui tutto si somma e succede "qualcosa".
    Almeno, io la vedo così.
    Ciao Brooke ;)

    RispondiElimina
  7. Cara Stefania, non la vedo diversamente da te. Mi piace pensare che un po mi cerco quello che mi accade e che sia merito (o colpa mia). Il fato c'è eh, non è che lo rinnego, ma voglio prendermi le responsabilità delle mie azioni e gestire le conseguenze. E voglio progettare il mio futuro ed organizzarlo su basi concrete e non sulla teoria che prima o poi...forse...
    Un grosso abbraccio

    RispondiElimina
  8. Tanto più alta è l'aspettativa, tanto più bruciante è l'invidia.
    E perché io non posso, non ho, non mi succede?
    Brutta.
    Aggrappati a quel piede e a quel calore, cara, è un balsamo che di uguali non ce ne sono.
    Ti bacio.

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. Potrebbe anche finire con l'essere una storia a lieto fine...
      Sticazzi ;-)
      Ciao B!

      Elimina

Si, lo voglio sapere cosa pensi. Si, anche se pensi male, anche se pensi niente. Lo voglio sapere...