...E per quanto sia faticoso abbandonare la strada già segnata ed apparentemente più sicura, scopre che è possibile trovare nuove vie, e che ci vogliono sia il sole sia la pioggia per fare un arcobaleno.
Saper sognare è un dono, ma il sogno può diventare una gabbia dorata se per realizzarlo si accettano così tanti compromessi da perdere di vista la felicità. Perché é giusto credere nelle favole. L'importante è saper accettare che la nostra potrebbe essere diversa da quella che abbiamo sempre immaginato.

domenica 31 marzo 2013

L'alba del giorno di Pasqua

Vista insieme, dalla tua finestra. Per caso.
Stare insieme a parlare fino alle 7 del mattino.
Parlare, parlare, parlare. Mi riesce bene, ha visto?
Raccontarci anni in un minuto, volare da un argomento all'altro senza un nesso, sfiorandoci le mani un pó per caso ed un pó no.

Devo solo togliere l'elmetto per un attimo, abbandonare l'assetto di guerra, lasciarmi andare alle sensazioni, dimenticarmi che ho paura, che ho una fottutissima paura di soffrire ancora, che un'altra delusione forse potrebbe essere troppo.

Come ci siamo arrivati a quest'alba?
Guido verso casa mia ed è già giorno.

Ieri sera ho infilato una maglietta, i miei jeans stracciati preferiti e sono uscita solo per vedere L'amica bionda che non vedevo da un po.
Ora torno a casa e sono le sette, ho lasciato Lei con il mio Amico + e so che anche loro certamente hanno fatto tardi.
Ma noi abbiamo parlato, bevuto una tisana ed il tempo ci ha portati a quest'alba e a quel veloce bacio rubato incastrato nella portiera della mia macchina.
E come sempre è la pelle, che mi rimanda le sensazioni della notte, quando cerco di ricomporre nella mente i passi che mi hanno portata fino a qui.
E scusami se il secondo bacio l'ho schivato, che lo so che fino a ieri valutavo l'ipotesi del trombamico, ma la verità è che voglio di più, voglio almeno provare ad avere di più.
Ma sbagli, se pensi che non avrei voluto dartelo e prenderlo, quel bacio. È che vorrei fare le cose per bene, questa volta, per una volta...vorrei non abbandonarmi ad un bacio che vorrei ricevere e poi aspettare una telefonata che non arriva. Non voglio più pentirmi di aver dato un bacio.
Se ci sarà un bacio, vorrei che fosse un bacio da non dover maledire, quel bacio, quel momento.
L'alba del giorno di Pasqua dietro le montagne, i soliti mille pensieri, i propositi di vivere senza pensare, qualunque cose accada, ovunque ci portino questa notte e quest'alba...
Dove ci porteranno questa notte e quest'alba?






8 commenti:

  1. Chissà dove ci porteranno...
    Buona Pasquetta carissima :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse lo scoprirò presto...
      Buona Pasquetta anche a te :*

      Elimina
  2. Buona Pasquetta :) Mi piace moltissimo la tua immagine del blog

    RispondiElimina
  3. Ho i brividi!
    Certo che noi le cose semplici mai, eh! :) Brava così. E speriamo che ci sia il post del secondo bacio, del terzo, del quarto..

    RispondiElimina
  4. Che belle parole! e che bella scoperta il tuo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! benvenuta nel mio mondo, ora vado a "sbirciare" un po nel tuo!

      Elimina

Si, lo voglio sapere cosa pensi. Si, anche se pensi male, anche se pensi niente. Lo voglio sapere...